Archivio: idee

Nascono le PAGINE SOCIALI su Facebook

Scommettiamo che questo peperone avrà più fan di Rocco Siffredi?

Cosa ti ricorda questa frase? Forse una moda degli ultimi mesi che va moltissimo su Facebook? Ecco, bravo.

Facebook ha appena lanciato una nuova funzionalità, chiamata PAGINE SOCIALI (aka Community Pages), che permetterà un’ulteriore distinzione tra pagine, gruppi e profili utente. Il concetto che sta alla base di questa nuova features è la volontà di dividere nettamente le fan page legate a un brand e quelle che, grazie alle potenzilità virali delle pagine,  invece stanno piano piano sostituendo i gruppi (che a questo punto ci si chiede a cosa servano).

fireshot-capture-071-facebook-i-crea-una-pagina-www_facebook_com_pages_create_php

In pratica la novità più grande è che queste pagine saranno, sin dal momento della creazione, NON UFFICIALI e legate a “cause e ideali” e in caso di grande successo a livello di fan si legge che sarà la comunità di Facebook stessa a gestirla (in stile Wikipedia), dando la possibilità a tutti di inserire contenuti legati al tema della pagina.

Si cerca pertanto di differenziare i contenuti della Fan Page lasciandole in mano alle aziende stesse in modo tale che vengano utilizzate per fare comunicazione aziendale avanzata, mentre sarà interessante scoprire l’uso che verrà fatto delle Community Pages una volta “assorbite” da Facebook: per come la vedo io immagino che da un lato ci saranno le classiche fan page corporate e dall’altro delle “side communities” legate comunque a dei marchi ma in maniera più divertente e più partecipativa (ad esempio “Quelli che mettono le dita nel barattolo della Nutella“?)

E tu? che ne pensi? Come si evolveranno fan page e community page?

E se stampassimo Twitter?

Mesi fa ho pubblicato un interessante infographics relativo ad alcune statistiche (impressionanti) derivate dall’ipotetica stampa di TUTTO internet.

Oggi ti propongo la medesima statistica ma applicata a Twitter:

infographics_171

(clicca sull’immagine per vedere l’immagine completa)

- 7 miliardi di tweet, per un totale di oltre 100 miliardi di parole, pari a quasi 135mila copie della Bibbia;

- si stamperebbero 350 milioni di fogli di carta, ovvero 37 volte tanto il numero di fogli utilizzata dal congresso americano dal 1955 ad oggi;

- il peso della carta utilizzata equivalerebbe al peso di 82 scuolabus (con dentro 84 bambini);

- ci vorrebbero solo 2912 anni a leggerlo tutto. Giusto per impressionarti un po’, sappi che 2900 anni fa si era ai tempi di Re Davide di Israele;

- se mettessimo in fila una dopo l’altra le pagine stampate si potrebbe fare 2500 volte il giro della circonferenza terrestre;

- usando una comune stampante costerebbe 24 milioni di dollari on inchiostro nero;

Insomma..la prossima volta prima di scrivere un stupidaggine pensiamoci, altrimenti tra 3000 anni saranno ancora li a leggerci!

ps: se cerchi le migliori genialate dette da Twitterers, ti consiglio di leggere qua ;)

Quali strumenti di condivisione social utilizzi?

Hai presenti i bottoni social che trovi in quasi tutti i blog al fondo del post? La loro funzione è nota a tutti, ma la cosa che mi incuriosisce sempre è capire quanto e come siano effettivamente usati dagli utenti.

Ebbene, una recente ricerca condotta da TechCrunch in collaborazione con Gigya (una società che fornisce un widget di sharing ad alcuni dei maggiori siti mondiali) ha dimostrato che i servizi sui quali avviene più spesso la condivisione sono, ovviamente, Facebook e Twitter (rispettivamente 44% e 29%) seguiti a ruota da Yahoo (18%) e MySpace (9%).

(continua…)

Un decennio all’insegna di Google

Google e Twitter dominano la nostra quotidianità, al punto da essere state elette rispettivamente parola del decennio e parola del 2009.
Come puoi leggere su Blogposh.com

La parola dell’anno, anzi, addirittura dell’ultimo decennio, è, secondo la ADS, Google.

A giocarsi il titolo, due termini appartenenti alla stessa aerea semantica: il tweet del celebre Social Network che ha rubato adepti a Facebook e il nome del più celebre motore di ricerca che sia mai esistito. Per non scontentare nessuno, Tweet ha incassato l’award di Parola del 2009

Ci sarà rimasto male Mark Zuckerberg?

I 10 comandamenti dei Social Media

1) Non essere narcisista: i Social Media sono fatti di persone, e con le persone bisogna parlare. L’importanza di iniziare un dialogo con gli utenti è fondamentale, è inutile parlarsi addosso e postare un link ogni tanto sperando che la maggior parte dei tuoi followers lo clicchi. PRIMA immergiti nella community, commenta link e foto, partecipa; POI inizia a postare tuoi contenuti e a parlare di te.

2) Ascolta quello che dicono gli altri: se i social media sono fatti di conversazioni, allora la capacità di ascoltare è primaria per costruire relazioni con gli altri utenti. Uno strumento utile per ascoltare al meglio ciò che si dice sui SM è Tweetdeck,client grazie al quale è possibile monitorare non solo Twitter ma anche Facebook.

3) Non spammare. Bisogna aggiungere altro?

4) Sii “discreto”: non scrivete cose che sapete già che possono essere poco interessanti (regola non sempre vera, devo dirlo). Più che altro non dite cose di cui potreste pentirvi (un po’ come fate già nella vita reale!): “Don’t tweet anything you wouldn’t want to see on a billboard with your name/face/logo/phone # and your mom driving by“.
(continua…)

I 10 momenti top della storia di Internet (dal 2000)

La storia passa per Internet, ormai è un fatto accettato anche dai più tradizionalisti: quali sono però i 10 momenti che più hanno caratterizzato il web negli ultimi 10 anni?

L’annuale manifestazione dei Webby Awards (nata nel lontano 1996 e ch si terrà in primavera 2010) ha selezionato i 10 momenti top della storia recente di Internet:

(continua…)

Faccia a faccia con Facebook

Vi segnalo due iniziative imperdibili (e non solo perchè collaboro anche io!):

- il 27 Novembre (9.30-18.30), a Milano presso lo IULM Building (aula 144, Via Carlo Bo), Seolab organizza FACE TO FACEBOOK, un corso di formazione interamente dedicato ai social media, con un focus particolare su Facebook e sulla necessità quanto mai attuale di sfruttare appieno le potenzialità dei social network grazie a strategie di Social Media Marketing efficaci.

I relatori saranno di prestigio:

Luca Conti (Pandemia, Nova24, Liquida, “Fare Business con Facebook”)
Robin Good (editor di Masternewmedia)
Andrea Ferri (Community Manager di Vodafone)
Francesco Nazari Fusetti (ideatore del progetto ScuolaZoo, community di studenti )
Tin Hang Liu (Community Manager di Seolab)

La partecipazione all’evento è a pagamento, per maggiori informazioni andate QUI

face-to-facebook

Strettamente legato a Face To Facebook è la SOCIAL LIVE CHAT, un’occasione quasi unica che vi permetterà di interagire con Luca Conti e Tin Hang Liu, facendo loro domande e proponendo argomenti di discussione relativi all’intricato mondo dei social media.mn

L’evento sarà ospitato su FriendFeed (http://friendfeed.com/face-to-facebook) Mercoledì 18 Novembre dalle 15 alle 17: iscrivetevi al gruppo e iniziate a pubblicare le vostre domande!

La discussione sarà consultabile a qualunque ora; essendo ospitata su Friendfeed all’interno di un gruppo pubblico. Il 18 Novembre (h 15-17) la particolarità sarà data dal fatto che Conti e Liu (e io!) saremo online per rispondere sia alle domande già inserite, sia ad eventuali commenti/discussioni che si scateneranno in base alle loro risposte.

Per riassumere: domande e risposte rimarranno liberamente consultabili da tutti (a tempo indeterminato, direi), mentre la possibilità di interazione con i 3 Social media experts sarà limitata all’orario indicato.

I loghi di Google che non vedremo mai

Voglio iniziare la settimana con un post leggero e simpatico: avete presente l’abitudine di Google di personalizzare il proprio logo in occasione di anniversari e date particolari? Ho trovato su un sito una simpatica raccolta di immaginari loghi di Google davvero interessante:

you-wone28099t-ever-see-these-doodles-on-google_1253519821462

Belli vero?

Buona settimana!

[ via TheNextWeb ]

Il kiwi con la frutta intorno

Rivestite una cosa buona in una cosa bella, ed ecco che avrete un packaging di successo (la faccio facile)!


Image Hosted by ImageShack.us

Vi invito a leggere il post Fruit Juice Packaging su Bloggokin, sicuro che rimmarrete piacevolmente sorpresi dalla semplice genialità del designer giapponese Naoto Fukasawa.