Archivio: video

Social Media Song: l’inno dei socialmarkettari

Cari i miei Social Media Addicted, ci mancava soltanto l’inno: ora Pete Codella riempie questo buco e canta “Crazy Little Thing The Web” (adattata sulle note della famosa canzone di Elvis Presley).

Signori e signore, canta Pete Codella (dirige il maestro Vessicchio?)..Social Media Song!

[youtube x96KP1wfbpY]

STREPITOSO, non vi pare?

ps: mi riprometto di tradurvi il testo asap!

Google story

Gli 11 anni della storia di Google in 2 minuti

[youtube EjN5avRvApk]

Piccola videoguida all’utilizzo di Friendfeed

Facebook, Twitter o Friendfeed? Qual’è il social network che preferite? Le correnti di pensiero sono molteplici e le motivazioni anche: personalmente ritengo che siano tutti e 3 compatibili, in quanto ognuno ha una sua funzione peculiare.

Vi propongo un video interessante di Alan Cann in cui si propone un utilizzo “ragionato” di Friendfeed:

[youtube 5nkc0ng2iEs]

Alcune considerazioni riprese dal video:

- non importate i feed Rss di Twitter e Facebook: secondo Cann sono un inutile duplicato della vostra attività sul web e solitamente sono talmente frequenti da risultare fastidiosi per i nostri subscribers.

- Cann considera Friendfeed come un Social Network a sè stante, quindi ha deciso di non seguire le persone che segue su altri canali (Twitter, ad esempio)

- Chi seguire su Friendfeed? Chi non importa solo il proprio account Twitter, chi fornisce contenuti di qualità, chi usa FF per interagire e non solo per pubblicare le proprie notizie. Insomma, guardate il numero dei commenti e dei likes lasciati e capirete se la persona cui vorreste iscrivervi usa davvero Friendfeed o meno.

- Fate caso al rapporto iscrizioni/iscritti: se la differenza è netta non è un buon segno (poche iscrizioni – molti iscritti = poca partecipazione, molte iscrizioni – pochi iscritti = poco valore aggiunto)

- Costruite un network che serve per voi stessi, cercate persone di valore e siate residenti in Friendfeed, non solo ospiti di tanto in tanto.

Che ne pensate? Personalmente non sono d’accordo sul fatto di NON seguire chi si segue già su altri network, ad esempio: iscrivermi ai miei contatti twitter mi serve per visualizzare in maniera molto più ordinata una conversazione, cosa che non riesco a fare con Twitter.

A proposito, ecco il mio Friendfeed ;)

via Scienceoftheinvisible

Articoli che potrebbero interessare:

Follow Friday Twitter

RT ReTweet Twitter

10 consigli per utilizzare Twitter

Blogfest09: la mia intervista doppia

La due giorni di Blogfest mi ha portato si ha scoprire e conoscere finalmente dal vivo tanti nuovi avatar, ma sono caduto in errore ed ho accettato di coprirmi di ridicolo insieme al buon mister Bandiera in una splendida intervista doppia condotta da Riccardo di Pocacola e Rossella “Ninna”.

Sedetevi perchè l’intervista è piena di contenuti e necessità un notevole impegno nella decodifica del messaggio.

[vimeo 7006386 424 354]

Volete ridere davvero? Oltre a noi due l’intervista è stata fatta ad autentici guru del web, come Luca Conti, Gaspar Torriero, Andrea Beggi, Gianluca Neri..insomma, vergogna e orgoglio!

2009: La Rivoluzione dei Social Media

Prendo spunto dal sempre aggiornatissimo Francesco per presentarvi un video assolutamente interessante sull’evoluzione (e la rivoluzione) dei Social Media:

[youtube sIFYPQjYhv8]

Bello,vero?

Voglio anche io sottolineare un paio di dati (quasi) sconvolgenti:

-  i Social Media hanno scalzato il porno come principale attività sul web

-  Per raggiungere i 50 milioni di utenti la radio ci ha messo 38 anni, la Tv 13, Internet 4: Facebook ha impiegato 9 mesi per ottenere 100 milioni di iscritti

- La fascia d’età che registra il maggior tasso di crescita sui Social Media è quella composta da 55-65enni

Ashton Kutcher e Ellen DeGeneres,  i 2 profili più seguiti di Twitter, contano più followers dell’intera popolazione irlandese, panamense o norvegese

Allora care aziende, che dite, forse è il caso di curare i vostro profili social, non credete?